Assicurazioni, in Italia continua il calo dei costi. Ma sarà vero?

Assicurazioni, in Italia continua il calo dei costi. Ma sarà vero?

388 views
assicurazioni assicurazione

Sulla carta non sembrano esserci dubbi: in tutto l’anno 2016 e in questi primi mesi del 2017 il prezzo delle assicurazioni auto in Italia è in calo. Questo è quello che dicono, per l’appunto sulla carta, due recentissime richieste firmate da due enti specializzati del settore, ovvero l’Ivass (l’Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni) e l’Ania (che invece è l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici).

Per l’Ivass le assicurazioni sono in calo

Secondo il primo rapporto, nel corso del 2016 il prezzo medio delle polizze è calato del 6 per cento, portando il costo di una singola RC auto ad attestarsi sui 423 euro; inoltre, sempre le rilevazioni dell’Ivass segnalano che nell’ultimo trimestre preso in esame metà degli italiani ha pagato meno di 379 euro per assicurare il proprio veicolo. Tra le note a margine di questo studio c’è anche sottolineato come le riduzioni abbiano riguardato un campione ritenuto rappresentativo di tutte le tipologie di assicurati e dei maggiori canali di distribuzione, e che sono state addirittura più marcate nelle provincie del Sud (anche perché la base di partenza era più elevata).

Anche l’Ania conferma

Simili le conclusioni dell’analisi dell’Ania, che ha condotto una rilevazione tendenziale focalizzata nel periodo che va da marzo 2016 a marzo 2017: in generale, si conferma il trend cui si era già assistito nel corso dell’anno precedente, con la diminuzione dei costi RC auto che si è registrata in definitiva al 3,6 per cento.

SEGUI TUTTE LE NOSTRE ULTIME NEWS

Tutti con la scatola nera

La tendenza al ribasso si spiega anche con alcuni cambiamenti attuati dagli automobilisti italiani: come rivela un focus dell’agenzia internazionale Standard & Poor’s, l’Italia è allo stato attuale è uno dei Paesi che vanta il maggior numero di installazione di scatole nere per le automobili, con circa il 14 per cento dei mezzi privati che sono dotati di questo dispositivo, che (tra le altre cose) ha consentito a favore del settore anche una più veloce e semplice identificazione delle truffe e di altri comportamenti illeciti. Facendo un rapido calcolo, si stima che i contratti di assicurazione riguardino oltre 40 milioni di italiani, e che dunque le scatole nere tecnologiche siano presenti già su oltre 5,5 milioni di veicoli.

Standard & Poor’s smentisce i dati

Secondo gli esperti finanziari, però, il trend dei prezzi non sta vivendo il ribasso ottimisticamente annunciato dai due report citati in antecedenza; per Standard & Poor’s infatti nei primi sei mesi di questo 2017 il costo delle polizze è addirittura aumentato quasi di 7 punti percentuali, anche se questa corsa sembra essersi quanto meno fermata e stabilizzata, almeno per il ramo auto.

Una guida per gli automobilisti

Insomma, la situazione delle assicurazioni in Italia è ancora piuttosto complessa, con gli automobilisti che spesso sono in difficoltà al momento della scelta della compagnia con cui sottoscrivere la polizza. Oggi per fortuna esistono differenti strumenti per ottenere informazioni e consigli, come il sito fissovariabile.it, che ha raggruppato sulle proprie pagine le principali recensioni assicurazioni attive in Italia, con approfondimenti su costi, vantaggi e opinioni sul funzionamento e sui premi.

Premi in aumento

E a proposito di premi, una più realistica fotografia dei costi delle assicurazioni arriva dall’Osservatorio del portale Facile.it, che ha rivisto verso l’alto le stime di Ivass e Ania: secondo questa analisi, infatti, il premio medio per un’assicurazione è di 566 euro, cifra in salita dell’11,6 per cento in un anno e, come detto anche da Standard & Poor’s, del 6,98 per cento nel semestre. Il rincaro, inoltre, per la prima volta negli ultimi anni ha interessato in maniera quasi uniforme tutte e 20 le regioni italiane.

La Campania continua a essere cara

A livello territoriale, il peso maggiore della RC auto si registra ancora una volta in Campania, dove servono quasi mille euro per assicurare un veicolo, mentre in Calabria ne servono 700; dal lato opposto della classifica c’è invece la Valle d’Aosta, dove la spesa media si attesta “appena” a 359,03 euro, ben al di sotto anche del dato medio nazionale.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON TUTTOMAGAZINE