Chris Cornell suicidio dichiarazioni della moglie Vicky è colpa dei farmaci

Chris Cornell suicidio dichiarazioni della moglie Vicky è colpa dei farmaci

234 views
chris cornell suicidio vicky karayiannis

Chris Cornell il cantante dei Soundgarden si è suicidato impiccandosi nella camera dell’albergo dove era ospitato, dopo una serata al Fox Theater di Detroit. Questa la versione ufficiale rilasciata dai medici che hanno effettuato le dovute indagini sul caso.

Come riportato da SpazioRock, ad un giorno dalla morte della rock star, la moglie Vicky ha rilasciato le sue prime dichiarazioni sull’accaduto rompendo il silenzio che la famiglia aveva richiesto dopo la tragica notizia. Vicky Karayiannis, seconda moglie di Chris Cornell, nelle sue dichiarazioni ha espresso il dubbio che la causa dell’estremo gesto fatto dal marito sia legato in qualche modo all’uso di farmaci antidepressivi e tranquillanti di cui il cantante faceva uso per combattere l’insonnia.

Abbiamo parlato poco dopo la fine del concerto e ho notato che biascicava, lo sentivo diverso, strano e poi mi ha detto di aver preso un Ativan o due in più rispetto al solito” ha dichiarato “Per questo ho mandato qualcuno della security a vedere che tutto fosse a posto

L’Ativan è un farmaco tranquillante e antidepressivo che, a detta di Vicky, veniva assunto dal marito sotto prescrizione medica.

Ciò che è successo è inspiegabile e spero che gli ulteriori esami medici che stanno conducendo possano farci arrivare alla verità. So che lui amava i nostri figli e non avrebbe mai volontariamente fatto loro un male così grande togliendosi la vita. L’incredibile ondata di affetto e supporto dai suoi fan, amici e colleghi significa tantissimo per noi in questo momento, più di quanto possiate immaginare. Voglio ringraziare tutti coloro che ci stanno vicino e che hanno capito quanto sia difficile per noi“.

QUI TUTTE LE NOTIZIE SULLA MORTE DI CHRIS CORNELL

Chris Cornell suicidio: i dubbi della moglie Vicky sul gesto del marito

Vicky Karayiannis continua nelle sue dichiarazioni dicendo che Chris non avrebbe mai compiuto un gesto del genere di sua iniziativa, sapendo di poter provocare dolore alla famiglia e ai suoi figli.

La morte di Chris è una perdita indescrivibile e ha creato un vuoto nel mio cuore che non potrà mai essere colmato. Come ha osservato chiunque lo conoscesse, Chris era un padre e un marito devoto. Era il mio miglior amico.

Vicky poi continua

Il suo mondo girava intorno alla sua famiglia e, ovviamente, alla sua musica. Era volato a casa per il Mother’s Day per passare un po’ di tempo con la nostra famiglia. Era andato via mercoledì a metà giornata, il giorno dello show, dopo aver passato del tempo con i bambini. Quando abbiamo parlato prima del concerto abbiamo discusso dei progetti per una vacanza per il Memorial Day e di altre cose che volevamo fare.

Chris Cornell suicidio: la moglie chiede esami tossicologici

Vicky, la moglie di Chris Cornell sembra convinta che il gesto del marito sia dovuto ad un’alterazione del suo stato emotivo, causata dall’uso di un farmaco antidepressivo. Per questo la famiglia ha richiesto un esame tossicologico, in modo da poter avere una risposta e trovare la verità che si nasconde dietro all’inspiegabile gesto compiuto da Chris. L’avvocato della famiglia, Kirk Pasich, ha rilasciato questa dichiarazione:

Senza i risultati dei test tossicologici non sappiamo cosa stesse accadendo a Chris, o se qualsiasi sostanza abbia contribuito alla sua scomparsa. Chris, ex tossicodipendente, aveva una prescrizione per l’Ativan e potrebbe averne preso più delle dosi raccomandate. La famiglia è convinta che se Chris si è tolto la vita non sapeva cosa stava facendo, e che droghe o altre sostanze potrebbero aver influito sulle sue azioni.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON TUTTOMAGAZINE