Risparmio Privato, per gli italiani prosegue l’accoppiata obbligazioni e conti deposito

Risparmio Privato, per gli italiani prosegue l’accoppiata obbligazioni e conti deposito

108 views

La recente crisi del mercato finanziario ha colpito gravemente l’economia mondiale, producendo immediatamente forti ripercussioni sulle opportunità di investimento di capitali.

Nello scenario attuale gli investimenti più intraprendenti sono fortemente scoraggiati da prospettive molto incerte sui margini di profitto e da elevati rischi di perdite.

La situazione si fa ancora più difficile per i risparmiatori che, rispetto al passato, vedono molto limitate le loro possibilità di mettere a frutto una certa somma di denaro accumulata lavorando: per capitali via via più bassi è sempre più difficile trovare opzioni adeguate per generare profitto dal proprio denaro.

In questo caso, col contributo di Investire 24, andremo a valutare alcune possibili alternative per l’investimento di una somma pari a 10’000 euro.

Una prima opzione è costituita dall’investire tale somma in obbligazioni private: tale strumento finanziario ha sicuramente il vantaggio di essere disponibile in quantità, dato l’utilizzo di obbligazioni da parte della stragrande maggioranza delle società sul mercato per ottenere liquidità. Per giudicare il valore di tali obbligazioni, diversi enti assegnano un rating che permette di capire il rischio associato all’investimento in un certo set di obbligazioni. Come è lecito attendersi, a rischi più elevati corrispondono di norma tassi di interesse più elevati, per cui l’investitore deve saper trovare un giusto compromesso tra prospettive di guadagno e rischio di perdite.

Altra possibilità di investimento, adatta ad una somma pari a 10’000 euro, è costituita dai conti deposito: tali conti prevedono di depositare una determinata somma presso una banca e godere di interessi che fruttano periodicamente. Per i conti deposito non è previsto un rischio di investimento, ragion per cui i tassi di interesse proposti sono molto contenuti e richiedono un deposito della durata di almeno un anno, ma non è escluso che per godere di tassi di interessi allettanti i tempi di deposito siano anche più lunghi.

Infine non è da sottovalutare la possibilità di investire in borsa tale cifra, che permette una discreta diversificazione del portafoglio azionario, pratica assolutamente necessaria per contenere efficacemente li rischio di investimento. Attenzione ovviamente però a come ci si muove sul mercato: la borsa attualmente vive un periodo di estrema volatilità e sono quindi richieste una profonda conoscenza del mercato e una certa dose di intuizione e prontezza nel cogliere le occasioni di investimento più fruttuose, giostrando con cura i tempi di acquisto dei titoli più promettenti e la loro cessione una volta raggiunto un margine di profitto adeguato.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON TUTTOMAGAZINE