Terremoto nuove scosse il centro Italia continua a tremare

Terremoto nuove scosse il centro Italia continua a tremare

151 views
terremoto

Altre forti scosse di terremoto di magnitudine 4.4 sono state registrate anche questa mattina intorno alle 10:20 nelle Marche a Castel Sant’Angelo sul Nera. La terra continua a tremare, dopo le forti scosse che hanno caratterizzato la serata di ieri sono stati oltre 200 i fenomeni sismici registrati.

L’epicentro del sisma è nella Valnerina, nelle Marche. Ieri sera intorno alle 19.10, una scossa di magnitudo 5.4, alle 21:18 altra forte scossa, questa volta più prolungata con magnitudine 5.9, infine alle 23:42 l’ultima forte scossa di 4.6.

Il sisma è stato avvertito un po in tutto il centro Italia.

Il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio, il presidente delle Marche Luca Ceriscioli e il commissario per la ricostruzione Vasco Errani, sono attualmente impegnati con i sopralluoghi nelle zone colpite dal sisma. Curcio, che si trovava oggi nella zona di Pieve Torina, ha dichiarato: “Stiamo valutando il trasferimento degli sfollati verso la costa”. Nel frattempo la protezione civile marchigiana annuncia che il numero degli sfollati è giunto a quota tremila. In aumento anche il numero delle abitazioni inagibili censite dopo il terremoto del 24 agosto scorso.

Si registra solamente un morto per il momento, anche se non dovuto direttamente dal sisma. Un uomo di 73 anni residente a Tolentino, è infatti deceduto in seguito ad un infarto per lo choc provocato dal terremoto.

Il sindaco di Ussita riferisce di numerosi crolli avvenuti nel comune, anche la facciata della chiesa sarebbe crollata in seguito alle scosse di ieri sera.

A Camerino, dopo la scossa delle 21:18, il campanile della chiesa, già danneggiato dal terremoto del 24 agosto, è crollato. Non si registrano feriti anche perché molte persone si trovavano già fuori casa dopo la scossa delle 19:10.

Sebbene la situazione della rete elettrica nelle Marche sia stata ripristinata, numerosi restano i problemi riguardanti la viabilità. La SP134 è stata chiusa tra Visso e Castel Sant’Angelo sul Nera a causa di caduta massi e tra Villa Sant’Antonio e Muccia a causa di edifici pericolanti. Anche la SP135 tra Visso e Ussita è stata chiusa per i medesimi problemi. Risulta riaperta la SP209, anche se la protezione civile consiglia di ridurre al massimo il transito nelle zone colpite dal sisma.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON TUTTOMAGAZINE