Il principe Harry e la duchessa Meghan raccontano la loro storia reale su Netflix. Si dice che il loro ritiro dal tribunale sia stato completamente diverso da come è stato dipinto pubblicamente.

Circa tre anni fa, il principe Harry e la duchessa Meghan si sono dimessi dalle loro funzioni reali. Questo è stato preceduto da problemi all’interno della famiglia reale britannica e da una copertura mediatica sempre più diretta contro la coppia. Ora, nel documentario di Netflix “Harry & Meghan”, ci hanno raccontato che il loro ritiro, che i media hanno chiamato “Megxit” (una combinazione di Meghan e “Exit”), in realtà è andato in modo molto diverso da come la famiglia reale e i media lo hanno dipinto.

Secondo il rapporto, Harry e Meghan volevano cambiare residenza già nel 2018. Prima si sono concentrati sulla Nuova Zelanda, poi sul Sudafrica. Allo stesso tempo, hanno offerto alla Casa Reale di continuare a lavorare per conto della Regina, anche se non saranno più sul posto. “Ci prendi, ma ci prendi gratis”, aveva spiegato Harry.

La teoria è che se smettessero di usare i fondi pubblici, i media invaliderebbero l’argomentazione secondo cui le loro vite sono di interesse pubblico, ponendo così fine all’accanimento mediatico.

Alla fine i due si trasferirono in Canada, dove rimasero temporaneamente. Secondo le loro stesse dichiarazioni, volevano parlare con la Regina, morta a settembre, di un possibile trasferimento. Aveva anche promesso a Harry che avrebbe avuto tempo per lui. Ma mentre si recava alla sua vecchia casa, improvvisamente ricevette il messaggio: “È occupata”. Ha impegni per tutta la settimana”. Durante una telefonata con lei, aveva spiegato: “Non sapevo di essere impegnata. Mi hanno detto che ero occupato”.

Per Harry e Meghan è chiaro che alcune persone si sarebbero messe tra il nipote e la nonna. “Quando la famiglia e l’azienda di famiglia sono in conflitto diretto, ti impediscono di vedere la Regina. Così facendo, impediscono a un nipote di vedere la nonna”, commenta Meghan.

“È chiaro che l’istituzione ha fatto trapelare il fatto”.
Alla fine Harry parlò con suo padre, l’attuale re Carlo III, dei piani di ritiro. Racconta che il 74enne chiese al figlio di allora: “Puoi scriverlo?”. Ma Harry all’inizio non voleva, perché i precedenti progetti di trasferirsi in Sudafrica erano già trapelati alla stampa – ed è proprio quello che è successo questa volta.

Harry è sicuro di come sia successo: “È chiaro che l’istituzione ha fatto trapelare il fatto che ci saremmo trasferiti in Canada”. I media avrebbero saputo che lui e Meghan erano pronti a rinunciare al titolo di Sussex: anche questo era nella trascrizione.

Quindi, in consultazione con il loro team, hanno rilasciato una dichiarazione in cui affermavano che si sarebbero ritirati dalle funzioni reali, ma non si sarebbero dimessi, hanno sottolineato. Volevano solo essere “metà dentro e metà fuori”, come spiega Harry. Ma una conversazione sul futuro è stata inizialmente negata e organizzata solo quando Meghan è tornata in Canada. “Per me era chiaro che avevano pianificato tutto in modo che tu non fossi nella stanza”, dice Harry alla moglie nel documentario.

Quindi c’è stato un incontro a Sandringham nel gennaio 2020 senza Meghan. Lì, dice, gli fu chiarito che “metà dentro, metà fuori” era fuori questione per il resto dei membri del palazzo. “Era terrificante vedere mio fratello che urlava e mi gridava contro, mio padre che diceva cose che non erano vere e mia nonna che se ne stava seduta in silenzio e si prendeva tutto”, ricorda.

Il nipote è consapevole che la Regina ha sempre considerato la sua “missione, obiettivo e responsabilità” quella di proteggere l’istituzione. Quando le persone le dicevano che qualcosa era un attacco al campo, lei lo prendeva sul serio. Anche il fratello William era preoccupato che la casa reale e quindi la sua “eredità” dovessero sopravvivere ed essere protette. L’americano per scelta lo capisce fino a un certo punto, ma la “parte più triste” è che si è creata questa frattura tra loro.

“Faceva freddo”
Così Harry e Meghan hanno deciso di ritirarsi completamente. Dopo questa decisione, la famiglia reale ha cercato di proteggere l’istituzione ancora una volta, a spese di Harry e Meghan: dopo le notizie diffuse dai media, secondo le quali Harry e Meghan sarebbero stati allontanati dalla famiglia, è stata rilasciata una dichiarazione a nome di William e Harry in cui si affermava che queste accuse erano prive di fondamento. “Non potevo crederci. Nessuno me lo aveva chiesto”, disse Harry. La sua famiglia aveva mentito per proteggere William – “e per tre anni non hanno mai detto la verità per proteggere noi”, giudica Harry.

La coppia ha infine avuto il suo ultimo fidanzamento ufficiale nel marzo 2020. “Mi sentivo molto distante dal resto della famiglia. Il che è stato interessante, perché per lo più la loro recitazione riguarda l’aspetto, non le sensazioni. E sembrava freddo. E faceva anche freddo”, ricorda Harry a proposito dell’apparizione congiunta all’Abbazia di Westminster.

Nonostante tutto, dire addio all’Inghilterra è stato “emozionante”, racconta Meghan. Quando è atterrata in Canada, è scoppiata a piangere tra le braccia di una guardia giurata di lunga data. “Ci ho provato con tutte le mie forze”, gli ha detto. “Lo so, signora”, rispose. Oggi dice di quel periodo: “Te ne vai e non è mai abbastanza, e non ti adatti mai”.